ARTICLE PUBLISHED IN FUJIRUMORS
JULY 2014
CLICK HERE TO DOWNLOAD PDF
OR READ BELOW
SOME RANDOM THOUGHTS ON PHOTOGRAPHY
By Paul Crespel
Published worldwide July 2014

TRADUZIONE IN ITALIANO SOTTO L'INGLESE

I find modern attitudes towards photography somewhat strange.

Photographic clubs now seem to be all about power. Whoever has the biggest camera gets to be president, regardless of his talents. The president and his close allies decide how photos should be taken, which “rules” should be applied to ensure a photograph is good, and anybody who doesn’t agree is forced out. Anybody with real talent, who could threaten the position of the president, is discouraged, made to feel, with unjustified criticism, that his or her work is poor. So many club photographers frequently tell me my photographs are all wrong because I haven’t used Photoshop to lighten the shadows or put detail back into the highlights. They don’t see the photograph; they just count the pixels. That is classic club mentality at its worst. Power games, titles, positions are so entrenched in camera club life that it is unlikely that this handicap will ever be successfully removed, and is possibly one of the reasons club photographers rarely make it in the real world of photography, and remain just club photographers for their entire careers.

Club photographers seem to include the type of people who need to “belong” to a group, whether religion, football team, even the brand of camera they use. You just need to consider the “wars” between the “Nikonists” and the “Canonists”. This group mentality seems to want to impede any possible success of lone, but talented individuals, and unwittingly alienates and discourages the few with real talent, who then give up, leaving only the untalented to continue to promote photography. Real photography is a solitary activity. The greatest photographs were never achieved on a club photowalk.

If you need to ask if your photo is any good, then it’s not. A photographer will know if his or her photograph is good, without having to seek the approval of an often-misguided group of individuals.

Maybe I am wrong in my view of how camera clubs work, but I have expressed these views to many camera club members, who do agree with me.

Another thought…. “Who can’t, teaches”. There are a lot of “experts” in the world of photography who teach…. But I’ve seen their work, and it’s often total crap. Photography often seems to be promoted by untalented people who are only interested in making money. They may know the theory of how a camera works, but very few of them have the aptitude to go out and take worthwhile photographs. These “experts” are sadly selling their own inaptitude, which further undermines any chance of improvement in photography skills.

JOURNALISM
The world of journalism has changed over the past 40 years. Until 1982 freelance and staff photographers could go places, at their own risk, if necessary, and get amazing photographs that had financial value commensurate with risks taken.

In 1982 Britain went to war with Argentina over the Falklands Islands. Britain’s then Prime Minister, Maggie Thatcher, invented “embedding”, the careful selection of journalists to include with the soldiers on the basis of “we will give you a great opportunity, but we will also control what you do”. This was done as a direct result of military campaigns, particularly the Vietnam War, where journalists started returning with stories and images that totally contradicted the lies being told by their government. These occurrences brought the truth to the people, but caused national embarrassment for the respective governments.

Embedding was the beginning of the end of old-school freelance journalism. Other countries quickly latched-on to embedding, and some even legislated to ensure that non-embedded journalists would not be protected…. a very subtle threat. Basically, this was indirect censorship.

Around the same time, newspapers also began to change their policy. The old guard of editors was forced out and replaced by a new, younger breed of commercial and politically correct editors. This new generation were all born long after the Second World War, and had a very different outlook on how news should be reported. This new breed of editor put profits before real news reporting, and did deals with big corporations for advertising space. The companies buying the space in the newspaper protested they didn’t want their nice products shown side-by-side in the newspapers with photographs of death, war, famine and starving children, and so the news was forced out in favour of nice articles and adverts that wouldn’t shock people at the breakfast table. And so the old guard photographers began to drift away. Some still managed to find adventure and work in various zones around the world that were beyond the control of embedding, but they found their market to be shrinking, as more and more newspapers adopted the policy of pleasing the corporate advertisers rather than reporting hard news. “Unwanted” photographs became videos to be watched on the TV news, and newspapers became politically correct, but profitable eunuchs.

Then came the Internet, digital cameras, cameras and video recorders in telephones… millions and millions of people willing to give their images to the news free of charge, and even though they were usually poor quality images or videos, the media took them, because they no longer had to pay for them. That was the end of the generation of real news photographers. We are dinosaurs now, and our skills and willingness to take a risk are no longer of any value. We are also now too old to re-start, even if things were to change.

There are still some excellent, young photographers, who carry the flag for the “trade”, such as James Natchwey, Christian Frei, and Kathy Gannon, to name but a few, and sadly others such as Farzad Bazoft and Anja Niedringhaus, who were killed in Iraq and Afghanistan. However, even in the few places where it’s still possible to operate in the traditional manner, potential remuneration is no longer commensurate with risk involved.

A good news photographer is a witness, and usually their reputation is such that when they say something happened, the world has no reason to disbelieve them, as their reputations have been proven many times before. The images and video taken on mobile phones by the public are often unreliable and unconfirmed, and are possibly being created with a bias to promote partisan ideals. Thus the news risks stopping being news, and becoming entertainment. A large proportion of the images and videos now seen on television news bear the caveat “unverified source”. In other words, they may not be, and probably aren’t reliable.

Four last thoughts.

“PROFESSIONAL” PHOTOGRAPHERS
Professional, with regard to photography, is a term I really find difficult to accept. Photography is a trade, not a profession.

A profession, by definition, is the result of many years of academic study and examinations; doctors, surgeons, dentists, teachers, vets are all professions. Photography is and always has been a trade, learned through manual apprenticeship, with relatively little study, and certainly no examinations. It is a trade carried out by a technician or an operator, not a “professional”.

I think the word “professional” was driven by camera manufacturers who wanted to promote a certain line of products as being aimed more towards the career photographer, so they used “Pro” in their advertising, and conceited photographers jumped at the chance to promote themselves into something they are not.

IS PHOTOGRAPHY ART?
For me, photography is not art.

Photography is “theft”. Nothing more. The photographer simply “steals” an image of something that is already in front of him or her using a mechanical device, much like using a photocopying machine.

Arguing that adjusting lighting, creating the right pose, etc., is art, is unfounded… it is simply the technician using his acquired skills of the trade to do his job correctly and to the customer’s satisfaction.

A work of art originates in the mind of an artist, who then creates it out of nothing, using various media. During the creation of a work of art, the artist has many choices over colour, texture, composition, lighting, etc., and what results is what the artist saw in his or her mind before starting. Photography is simply taking a photograph, and at best adjusting a few lights, objects, and pressing a button.
By accepted definition, to qualify as art, the work must serve no functional purpose other than pleasing the senses. It is accepted that a Ferrari, no matter how beautiful, cannot be a work of art, as it has a purpose.

Photographs have a purpose. They are documents, documentary records of the past for a future generation. Therefore, also on this basis, photography cannot be art.


PHOTOSHOP AND POST-PRODUCTION EDITING
It has its place, if used with care.

Sadly Photoshop is now grossly overused, and people are taking questionable photographs and trying to make them beautiful by excessive use of editing tools. I guess it goes with the cosmetic surgery culture, and the camera club mentality that the president says it should be so, so everybody follows like sheep.

It takes a long time to learn to use Photoshop really well. Surprisingly, it can take less time to learn to take photographs correctly in the first place so that they don’t need Photoshop.

I went to a New Year’s Eve party in Milan some years ago, full of well-known celebrities and politicians. Nearly everybody there had had cosmetic surgery, and looked terrible, and I mean REALLY terrible. I remember saying just two words to the person I went to the party with: “Jurassic Park”. Dinosaurs. One starts, and the others have to comply or be excluded. Going to many photo exhibitions is now like walking into that party. All false. It’s like men who dye their hair; you don’t see the man any more, you just see a man who dyes his hair. Photos are the same…. You don’t see the photo any more; you just see the very obvious corrections.


CAN YOU LEARN TO BE A PHOTOGRAPHER?
No. You can learn to use a camera and photographic equipment, and even to gain some basic competence in various disciplines, but photographers are born, not created.

Everybody is born with a talent. The lucky few get to discover what their talent is at an early age, and then receive encouragement from family, friends and peers…. Unconditional encouragement.

Schumacher, Pelé, Pavarotti, Mohammed Ali, Ernest Shackleton, Henri Cartier-Bresson….. all born with talents.

Schumacher could never have taken the images that Cartier-Bresson took; Mohammed Ali could never have sung like Pavarotti, no matter how many lessons he may have had. Each recognised their talents, and pursued them.

You can improve skills and techniques with training and coaching, but it has to be there from the start. You have to be born with it. Spending €20.000 on a Canon, Nikon or Leica system cannot improve your photography if you weren’t born with the aptitude to take photos. I have had the pleasure of driving a racing car at a fun training course in England, and I accept that no matter how much training I may have had, even from a young age, I wasn’t born with sufficient aptitude in that skill. I can’t sing, either.

People come to me and show me their best photos after 10 years of photography and ask for some advice, and very often I simply tell them to find another hobby… to go and discover what their particular skill is; but their ears are closed, so I guess they will never discover their talent. Every now and then I see a 10 or 11 year old using his or her dad’s camera, and I see a born photographer.

Going back to an earlier point, I wonder if cameras are now actually about photography, or rather about enabling people to have a position of authority or power that they could never achieve in real life, about who has the biggest camera, about Nikon versus Canon, about who has the most pixels, rather than being about getting an image that people remember.


Paul Crespel
June 2014

PUBLISHED JULY 2014



ALCUNE PENSIERI CASUALI SULLA FOTOGRAFIA
di Paul Crespel
Pubblicato in luglio 2014
(TRADUZIONE IN ITALIANO DI GOOGLE TRANSLATE)

Trovo gli atteggiamenti moderni verso la fotografia un po' strani.

I club fotografici adesso sembrano essere centrati sul potere. Chi ha la più grande macchina fotografica arriva a essere presidente, a prescindere dal suo talento. Il presidente e i suoi più stretti alleati decidono come devono essere prese le foto, che "regole" da applicare per garantire una fotografia è buona, e chi non è d'accordo viene escluso. Chiunque chi ha un vero talento, che potrebbe minacciare la posizione del presidente, è scoraggiato, fatto sentirsi, con critiche ingiustificate, che il suo lavoro è scarso. Così molti fotografi di club spesso mi dicono che le mie foto sono tutte sbagliate perché non uso Photoshop per schiarire le ombre o aggiustare le parte "troppo chiare". Non vedono la fotografia; vogliano solo contare i pixel. Questo è la classica mentalità del fotoclub al suo peggiore. Giochi di potere, i titoli, le posizioni di potere sono così radicati nella vita del club fotografico, che è improbabile che questo handicap sarà mai rimosso, ed è forse il motivo per cui i fotografi di club non riescono a fare nulla nel mondo reale della fotografia, e rimangono solo i fotografi di club per tutta la loro vita.

I fotoclubbisti sono spesso il tipo di persone che ha bisogno di "appartenere" ad un gruppo; una religione o una squadra di calcio, o forse anche la marca di macchina fotografica che utilizza. Basta considerare le "guerre" tra i "Nikonisti" e i "Canonisti". Questa mentalità di branco sembra voler impedire ogni possibile successo di individui di talento, e involontariamente allontana e scoraggia i pochi con un vero talento, che poi rinunciano, lasciando solo i senza talento per continuare a promuovere la fotografia. La vera fotografia è un'attività solitaria, che non può essere fatto in compagnia.

Se devi chiedere se la tua foto è bella, non lo è. Un fotografo sa subito se la sua foto è buona, senza dover chiedere l'approvazione di un gruppo di individui spesso poco assennato.

Forse mi sbaglio nella mia visione di come i club fotografici funzionano, ma ho espresso questi punti di vista a molti socia di fotoclub, che dicono di essere d'accordo con me.

Un altro pensiero.... "Chi non può, insegna". C'è un sacco di "esperti" nel mondo della fotografia che insegnano.... ma ho visto le loro foto, e solitamente fanno schifo. Molto spesso la fotografia è promossa da persone senza talento, che sono interessati solo a guadagnare soldi. Forse sanno la teoria di come funziona una macchina fotografica, ma la maggior parte di loro non ha l'abilità di scattare delle fotografie meritevoli. Questi "esperti" stanno vendendo la loro inettitudine, che mina ulteriormente ogni possibilità di miglioramento del neo fotografo.

GIORNALISMO
Il mondo del giornalismo è cambiato negli ultimi quarant'anni. Fino al 1982 i fotografi freelance e dipendenti potevano andare in giro, a loro rischio, se necessario, e ottenere delle fotografie importante che avevano un valore economico commisurato con i rischi presi.

Nel 1982 la Gran Bretagna entrò in guerra con l'Argentina sulle Isole Falkland. Il Primo Ministro britannico di allora, Maggie Thatcher, ha inventato "embedding", e cioè la selezione dei giornalisti di includere con i soldati sulla base di "vi daremo una grande opportunità, ma controlleremo anche quello che fai". Questo era un risultato diretto di campagne militari, in particolare la guerra del Vietnam, dove i giornalisti sono tornati con delle storie d delle immagini che contraddicevano totalmente le bugie raccontate dal loro governo. Questi eventi portarono la verità al popolo, ma ha causato imbarazzo nazionale per i rispettivi governi.

Embedding fu l'inizio della fine della vecchia guardia di giornalisti freelance. Altri paesi hanno cominciato a usare "embedding" (incorporamento), e alcuni anche legiferato per assicurare che i giornalisti non-incorporati non sarebbero protetti.... una minaccia poco sottile. Fondamentalmente, questa era censura della stampa.

Nello stesso periodo, anche i giornali cominciarono a cambiare la loro politica. La vecchia guardia dei redattori è stata costretta fuori, e sostituita da una nuova razza più giovane di editori commerciali, politicamente corretti. Questa nuova generazione è tutta nata molto tempo dopo la seconda guerra mondiale, e aveva una prospettiva molto diversa su come le notizie dovrebbero essere riportate. Questa nuova generazione di editor voleva mettere i profitti prima delle news, e ha fatto accordi con delle grande aziende per vendere la pubblicità. le aziende che acquistano lo spazio sul giornale hanno protestato che non volevano i loro prodotti mostrati fianco-a-fianco sui giornali con delle fotografie di morte, della guerra, la carestia e i bambini affamati, e quindi la notizia è stata rimossa a favore dei articoli belli, e della pubblicità che non avrebbe scioccata la gente al tavolo della colazione. E così i fotografi della vecchia guardia cominciarono ad allontanarsi. Alcuni sono riusciti a trovare l'avventura e del lavoro in varie zone del mondo che erano al di là del controllo di embedding, ma hanno trovato il loro mercato ristretto, perché sempre più giornali avevano adottato la politica di compiacere gli inserzionisti aziendali piuttosto che riportare le notizie dure. Le fotografie "indesiderati" divennero i video da guardare sui telegiornali e i quotidiani sono diventati eunuchi politicamente corretto, ma remunerativi.

Poi è arrivato l'Internet, le macchine fotografiche digitale, le videocamere e i videoregistratori in telefoni... milioni e milioni di persone disposte a dare loro immagini gratuitamente ai giornali, e anche se gli immagini o il video sono di scarsa qualità, la stampa li prende, perché non deve pagarli. Quella fu la fine della generazione di vero fotoreporter. Siamo ormai dinosauri, e la nostra capacità e la nostra volontà di prendere i rischi non hanno più valore. Siamo anche ormai troppo vecchi per rincominciare, anche se le cose dovessero cambiare.

Ci sono ancora alcuni eccellenti, giovani fotografi, che portano la bandiera del "mestiere", come James Natchwey, Christian Frei e Kathy Gannon, solo per citarne alcuni, e purtroppo altri, come Farzad Bazoft e Anja Niedringhaus, che sono stati uccisi in Iraq e Afghanistan. Tuttavia, anche nei pochi luoghi dove è ancora possibile operare in modo tradizionale, la remunerazione non è più commisurata al rischio.

Un bravo fotoreporter è un testimone, e di solito la sua reputazione è tale che quando dice qualcosa è accaduto, il mondo non ha motivo di non crederlo, come la sua reputazione ha dimostrato molte volte prima. Le immagini e i video scattate sui telefoni cellulari da parte del pubblico sono spesso inaffidabili, e non confermati, e sono forse stati creati con una tendenza di promuovere gli ideali di partito. Così la notizia rischia di non essere più news, e invece di diventare intrattenimento. Una gran parte delle immagini e dei video che si vedono nei telegiornali portano l'avvertimento "fonte non verificata". In altre parole, sono inaffidabile.

Quattro ultimi pensieri.

FOTOGRAFI "PROFESSIONAL"
Professionale, per quanto riguarda la fotografia, è un termine che trovo davvero difficile da accettare. La fotografia è un mestiere, non una professione.

Per definizione, una professione è il risultato di molti anni di studio accademico e degli esami; i medici, i chirurghi, i dentisti e e veterinari sono tutti delle professioni. La fotografia è, ed è sempre stato, un mestiere, appreso attraverso l'apprendistato manuale, con relativamente poco studio, e certamente niente esami. Si tratta di un mestiere fatto da un tecnico o un operatore, e non e un "professional".

Credo che la parola "professionale" sia stata "inventata" dai produttori di macchine fotografiche che hanno voluto promuovere una certa linea di prodotti come se fosse un prodotto solo per il fotografo in carriera, usando la parola "Pro" nella loro pubblicità, e i fotografi presuntuosi hanno colto al volo l'opportunità di promuoversi in qualcosa che non sono.

È FOTOGRAFIA ARTE?
Per me, la fotografia non è arte.

La fotografia è "furto", niente di più. Il fotografo semplicemente "ruba" l'immagine di qualcosa che è già davanti a lui o lei, usando un dispositivo meccanico, proprio come usare una macchina fotocopiatrice.

Dire che aggiustare la luce, creare la giusta posa, ecc., è arte, è infondato.... si tratta semplicemente del tecnico che usa le sua abilità acquisite del mestiere per fare il suo lavoro correttamente e alla soddisfazione del cliente.

Un'opera d'arte ha il suo origine nella mente di un artista, che poi la crea dan nulla, utilizzando diversi media. Durante la creazione di un'opera d'arte, l'artista ha tante scelte sul colore, tessitura, composizione, illuminazione, ecc., e il risultato è la visione dell'oggetto secondo l'artista. La fotografia si tratta semplicemente di scattare una foto, e forse anche regolare della luce e degli oggetti da fotografare. Insomma, premere un pulsante.

Per definizione accettata, per qualificarsi come arte, l'opera non deve servire uno scopo funzionale altro che compiacere i sensi. È accettato che una Ferrari, non importa quanto sia bella, non può essere un'opera d'arte, in quanto ha uno scopo.

Le fotografie hanno uno scopo. Si trattano di documenti, registrazioni documentari del passato per una futura generazione. Pertanto, anche su questa base, la fotografia non può essere arte.

PHOTOSHOP E POST-PRODUZIONE EDITING
Può essere valido, se usato con cura.

Purtroppo, la Photoshop è ora gravemente abusata, e le persone stanno scattando delle foto di qualità discutibile, e cercando di renderle belle con l'uso eccessivo dei strumenti di editing. Credo che va con la cultura della chirurgia estetica, e con la mentalità dei fotoclub, dove il presidente dice che qualcosa dovrebbe essere così, e tutti seguono come pecore.

Ci vuole molto tempo per imparare a usare Photoshop davvero bene. Sorprendentemente, si può richiedere meno tempo per imparare a scattare delle foto correttamente in primo luogo, così che non hanno bisogno di Photoshop.

Sono andato a una festa di capodanno a Milano qualche anno fa, pieno di celebrità e politici ben noti. Quasi tutti ci aveva avuto interventi di chirurgia estetica, e sembravano orrendi, e dico veramente orrendi. Mi ricordo di aver detto solo due parole alla persone con cui sono andato alla festa: "Jurassic Park". Erano dinosauri. Uno comincia, e gli altri si sentono di dover seguire come pecore. Andare a molte mostre fotografiche ora è come essere presente a quella festa. Tutto falso. È come gli uomini che tingono i capelli; non si vede più l'uomo, si vede solo un uomo che si tingono i capelli. le foto sono uguale... non si vedi più la foto; si vedono sole le correzioni molto evidente.

SI PUÒ IMPARARE A ESSERE UN FOTOGRAFO?
No.

Si può imparare a utilizzare una macchina fotografica e attrezzature fotografiche, e anche guadagnare un po' di competenze di base in varie discipline, ma i fotografi sono nati, no creati.

Ognuno è nato con un talento. Pochi arrivano a scoprire quale sia il loro talento mentre sono sempre giovani, e chi lo fa dovrebbe essere incoraggiato da parenti, amici, colleghi ecc.

Schumacher, Pelé, Pavarotti, Mohammed Ali, Ernest Shackleton, Henri Cartier-Bresson.... tutti nati con talenti.

Schumacher non avrebbe mai preso le immagini che Cartier-Bresson ha scattato; Mohammed Ali non avrebbe mai cantato come Pavarotti, non importa quante lezioni lui avrebbe avuto. Ognuno ha riconosciuto i suoi talenti, e li hanno seguito.

È possibile migliorare le abilità e le tecniche con della formazione e il coaching, ma quell'abilità deve esserci fin dall'inizio. Si deve essere nato con l'abilità. Spendere €20 mila per un sistema di Canon, Nikon o Leica non può migliorare la tua fotografia se non sei nato con l'abilità di fotografo. Ho avuto il piacere di guidare una macchina di Formula 1 durante un corso di formazione (un weekend) in Inghilterra, e accetto che non importa quanto la formazione avrei fatto, anche da giovane età, non ero nato con abilità sufficiente per pilotare una macchina F1. Non so neanche cantare.

La gente mi mostra le loro migliore foto dopo 10 anni di fotografia, e mi chiede qualche consiglio. Molto spesso gli dico di trovare un altro hobby... di andare a scoprire quale sia la lora particolare abilità; ma le loro orecchie sono chiuse, quindi credo che non potranno mai scoprire il loro talento. Ogni tanto, invece, vedo un bambino o una bambina di 10 o 11 anni utilizzando la macchina fotografica del suo papà, e vedo un fotografo nato.

Tornando a un punto precedente, mi chiedo se le macchine fotografiche sono ormai per la fotografia, o se sono per consentire alle persone di avere una posizione di autorità o di potere che non avrebbero mai potuto raggiungere nella vita reale, o se sono per permettere la gente di vantarsi dei gioielli costosi; se is tratta di poter vantarsi di chi ha la più grande macchina fotografica; per litigare nella causa di "Nikon v. Canon"; di vantarsi di chi ha il maggio numero di pixel.... invece di scattare delle foto forte e indimenticabile.

Paul Crespel
Giugno 2014

16 January 2017
INTERVIEW IN ENGLISH AND ITALIAN WITH PAUL CRESPEL IN THE ONLINE MAGAZINE Quaranta4

CLICK HERE

______________________________